Cancelliamo i dati indesiderati +39.06.39754846 cyberlex.net

Cosa sono le cache di Google e come utilizzarle

Il termine cache individua nel linguaggio informatico un’area di memoria molto veloce ancorché di un basso ordine di grandezza di capacità. Lo scopo principale delle cache è quello di rendere più veloce l’esecuzione dei programmi. Una cache è associata ad una memoria principale, in cui risiedono i dati. Questa è sostanzialmente e tipicamente di capienza inferiore rispetto a quella della memoria principale, tuttavia il proprio utilizzo è per diversi motivi più adatto in termini di tempo di accesso o carico sul sistema. Per memoria principale qui si intende la memoria principale che può essere sia un hardware come una RAM, anche definita memoria principale di un processore, ovvero un disco rigido, ancora, un DNS o l’internet stesso. In siffatte ipotesi casi, la memoria principale può essere modificata senza passare dalla cache, la fattispecie in esame se da un lato comporta una maggior celerità di salvataggio dati, d’altro canto comporta problemi di connessione tra i dati originali e quelli nella cache, vale a dire un possibile disallineamento.

Come funzionano le cache

Cerchiamo di far comprendere in maniera funzionale come funzionano le cache di Google. Bisogna chiarire in primo luogo che il browser, o in generale il programma che si utilizza per navigare, quale qualsiasi altro programma, utilizzano la web cache al fine di rendere più veloci le proprie prestazioni, banalmente la velocità è molto utile per gli utenti per caricare per caricare più una pagina web già visitata. Non è infrequente che talvolta nonostante si clicchi sulla rotellina per l’aggiornamento della pagina si non siamo in grado di ottenere e vedere le modifiche apportate; laddove questo accada vuol dire che il browser usato non ha ancora memorizzato nella cache tutti i file relativi alle pagine visitate e non ha scaricato quelli che sono on line.

Perché cancellare le cache dal browser?

La funzione principale della cancellazione delle cache è quella di:

-in primo luogo ottenere la versione più aggiornata dei siti visitati. Questa ipotesi è molto importante poiché, ad esempio, se siamo soliti acquistare online è necessario vedere sempre fondamentale vedere i prezzi, che potrebbero mutare, nonché la disponibilità dei prodotti, che allo stesso modo potrebbero esaurirsi nel giro di pochi istanti.

-ancora, è utile cancellare le cache al fine di liberare spazio sul nostro dispositivo dal quale navighiamo; in questo senso la cache è costituita da file che se non vengono mai rimossi possono occupare anche molti gigabyte, che dunque rallentano il nostro dispositivo.

Svuotare la cache di Google Chrome

Cancellare la cache è molto semplice, a differenza di quel che si può pensare, anche se ogni programma ha le sue modalità. Per Google Chrome ad esempio basterà:

-aprire Chrome sul computer;

-cliccare su “Altro” in alto a destra;

-cliccare poi su “altri strumenti” e poi su “Cancella dati di navigazione”;

-a questo punto scegliere un intervallo di tempo, ad esempio “Ultima ora” o “Tutto”, per rimuovere tutti i dati;

-infine cliccare sulla finestra “cancella dati”.

Le cache sono anche molto utili per ottenere e visualizzare siti web che non sono più presenti sul browser o sono stati rimossi, clicca qui per saperne di più.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: